Calcio Ascoli
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

L’Ascoli vince ancora: 2-1 al Cagliari nella bolgia del Del Duca, decidono Dionisi e Pedro Mendes

Picchio a quota 15 in classifica, grande festa per i tifosi bianconeri

L’Ascoli batte 2-1 il Cagliari al Del Duca e sale a 15 punti in classifica.

Vantaggio di Dionisi su rigore procurato da Lungoyi, raddoppio di Pedro Mendes su assist di Collocolo. Finale incandescente riaperto dal gol di Pavoletti, ma alla fine è festa bianconera!

Ascoli sceso in campo con il consueto 3-5-2: resta in panchina Bellusci, ci sono Simic e Quaranta ai lati di Botteghin. Eramo in cabina di regia preferito a Giovane (out Buchel), là davanti Lungoyi a far coppia con Dionisi. 4-3-3 invece per il Cagliari: Capradossi in difesa al fianco di Altare, tridente con Falco, Pavoletti e Luvumbo.

Picchio pimpante in avvio, con gli attaccanti e le mezzali a pressare alto i portatori di palla avversari senza permettere loro di ragionare. Cagliari a rispondere con lucidità e qualità nelle giocate, sfruttando velocità e imprevedibilità degli esterni Falco e Luvumbo e cercando cross per la testa dell’ariete Pavoletti.

In un terreno di gioco tutt’altro che in perfette condizioni, tutta la compagine bianconera ha occupato bene gli spazi in campo, non lesinando corsa e raddoppi nelle situazioni di difficoltà. Meglio il Cagliari per possesso palla e mole di gioco creata nel primo tempo, Picchio però bravissimo a sfruttare i propri punti di forza: e cioè difendersi con ordine e pungere di rimessa. Approfittando anche di sbavature avversarie: perfetto l’inserimento di Lungoyi tra i due centrali rossoblù in occasione del rigore del vantaggio, letale Pedro Mendes nella ripresa a sfruttare l’assist di Collocolo su rinvio sbagliato da Radunovic.

Gli applausi vanno però a tutta la squadra, che ha occupato bene gli spazi in campo e non ha lesinato corsa e raddoppi nelle situazioni di difficoltà. Falasco e Collocolo hanno macinato chilometri su e giù per il Del Duca senza accusare le fatiche di Coppa, solito gigante in difesa Botteghin a guidare reparto e tutta la squadra. Inevitabile un pizzico di sofferenza nel finale, quando il Cagliari ha gettato nella mischia Lapadula (fischiatissimo) e Millico, passando a un 4-4-2 molto più simile a un 4-2-4. Con grinta, cuore e coraggio l’Ascoli ha però retto l’urto. E alla fine ha meritatamente festeggiato.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Curiosa la data di scadenza per poter sottoscrivere il programma di fidelizzazione con il club...
L'attaccante ha necessità di acquisire minutaggio ...
Prima di Ascoli-Modena verrà depositato un mazzo di fiori in tribuna stampa ...

Dal Network

Altre notizie

Calcio Ascoli