Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

La geografia della Serie B 2022/23: Ascoli regina delle Marche, tornano Liguria e Sardegna. Storico Trentino

Emilia-Romagna con il maggior numero di partecipanti, spera la Sicilia

La Lombardia abdica dal trono della Serie B, per lasciare il posto all’Emilia-Romagna (e forse al Veneto).

Ben otto le squadre a tenere alto, da sole, il nome della propria regione, con l’esordio assoluto del Trentino Alto-Adige e la speranza della Sicilia di tornare tra i cadetti. Quando manca un solo tassello per completare il puzzle della Serie B 2022/23, si va delineando quella che sarà la geografia del nuovo campionato.

Lo scettro della B

La regione maggiormente rappresentata sarà l’Emilia Romagna: l’arrivo del Modena dalla Serie C va infatti ad aggiungersi alle conferme di Parma e Spal. Scalzata dal trono la Lombardia: quest’ultima ha perso Cremonese e Monza, entrambe promosse in Serie A, con “solo” Como e Brescia che ne terranno alto il nome.

Emilia-Romagna in vetta, ma occhio al Veneto: perso il Vicenza, sprofondato in Serie C, il territorio del Prosecco potrà contare sul Cittadella e sul Venezia, retrocesso dalla A. In ballo però c’è anche il Padova: i biancoscudati sono in finale playoff di C contro il Palermo. In caso di vittoria, il Veneto salirebbe sul trono della B con l’Emilia Romagna.

Chi insegue

In caso contrario, il Veneto resterebbe a quota due. Insieme alla Lombardia e insieme anche a Umbria e Calabria. Perugia e Ternana infatti, unici due capoluoghi dell’Umbria, saranno nuovamente ai nastri di partenza della Serie B dopo esserci arrivati insieme lo scorso anno. La Calabria è invece scesa da un terzetto a un tandem: Reggina e Cosenza hanno mantenuto, non senza difficoltà, la categoria, mentre il Crotone in appena 12 mesi è stato risucchiato dalla Serie A alla Serie C.

Le magnifiche otto

Per il resto, le (ben) otto restanti regioni ai nastri di partenza del campionato cadetto avranno una sola rappresentante. A partire dalle Marche che, manco a dirlo, possono contare sulla storia e sul blasone dell’Ascoli Calcio. 26° campionato in Serie B per i bianconeri, addirittura ottavo consecutivo: nessun’altra compagine, tra quelle al via del torneo, ha giocato tutte le partite della regolar season cadetta dalla stagione 2015/16 a oggi.

Tra le conferme, anche quelle di Lazio, Toscana e Campania: il Frosinone sarà la portacolori della prima regione, il Pisa è la rappresentante della seconda dopo aver perso la finale playoff contro il Monza. Al netto di vicende extra campo, a tenere alto il nome della Campania sarà invece il Benevento. L’unica rivoluzione sarà in casa Puglia: niente più Lecce, promosso in A, ma ecco di nuovo il Bari.

New entry e addii

Tra le new entry, ecco Liguria, Sardegna e Trentino Alto-Adige. Un buon pesto si potrà assaggiare grazie al Genoa, retrocesso in B a distanza di 15 anni dall’ultima volta. Traghetto o aereo saranno necessari per raggiungere Cagliari: era da sei stagioni che la Sardegna mancava nel torneo cadetto. Presenza storica invece per il Sudtirol: il Trentino Alto Adige non aveva mai avuto una propria rappresentante da quando esiste il girone unico in B ed è la prima volta assoluta per un club con sede a Bolzano.

Per tre regioni new entry, ce ne sono due che dicono addio: salutano Piemonte e Friuli-Venezia Giulia, a causa delle retrocessioni di Alessandria e Pordenone.

Ben 13 le regioni d’Italia ai nastri di partenza del prossimo campionato, con la possibilità di aggiungerne un’altra ancora. Tutto dipenderà dalla finale playoff tra Padova e Palermo: un trionfo dei rosanero permetterebbe di aggiungere anche la Sicilia alla lista delle partecipanti della Serie B 2022/23.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.