Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Letale fino al 45’, perforabile nella ripresa: è un Ascoli dai due volti

Con le gare durate fino al 45’ il Picchio sarebbe quarto, considerando solo la ripresa bianconeri ai playout

Letale nel primo tempo, più perforabile nella ripresa: questi i numeri dell’Ascoli al termine del girone d’andata.

I bianconeri, se le gare fin qui disputate fossero durate solo fino al 45’, sarebbero addirittura quarti in classifica con 29 punti: cinque posizioni più avanti (e 4 punti in più) rispetto alla graduatoria reale. Nella ripresa, invece, il crollo: appena 20 i punti ottenuti qualora i match fossero iniziati al 46’, in questa speciale graduatoria il Picchio sarebbe quintultimo.

I due tempi

Partiamo dai primi tempi. Se le gare fossero terminate al 45’, l’Ascoli sarebbe quarto in classifica in Serie B: 29 punti in cascina, dietro solo al Genoa capolista (34), al Parma (33) e alla Reggina (31). I bianconeri sarebbero davanti al Frosinone (28), ma pure a Bari, Modena, Sudtirol e Como (27) e via via tutte le altre, con Perugia e Cittadella (17) in zona retrocessione diretta alla pari di un Cosenza (9) a dir poco disastroso nella prima metà di partita.

Al contrario, considerando esclusivamente la seconda parte di gara, il Picchio avrebbe racimolato appena 20 punti. Meglio solo del quartetto Spal-Benevento-Como e Perugia, tutti a 19, ma con un rendimento di gran lunga inferiore rispetto a Frosinone (38 punti), Bari (35), Reggina (33) e Pisa (29) e alle sorprese Venezia (28) e Cosenza (27).

Se le gare fossero durate uno solo dei due tempi, i bianconeri di Bucchi avrebbero comunque raccolto lo stesso numero di pareggi: 8 rispetto ai 7 reali. La differenza sostanziale sarebbe tra vittorie e sconfitte: 7 successi e 4 ko dal fischio d’inizio al 45’, 4 vittorie e 7 sconfitte invece dal 46’ al triplice fischio (la classifica reale dice 6 bottini pieni e altrettanti nulli).

I punti

Nella ripresa, l’Ascoli ha perso due punti a Benevento (0-1 parziale, 1-1 finale), addirittura tre nella debacle casalinga contro il Modena (da 1-0 nel primo tempo all’1-2 finale). Poi ancora in casa contro le apripista Frosinone e Reggina (dallo 0-0 del 45’ allo 0-1 del 90’) e in trasferta col Sudtirol (0-1 col Sudtirol e poi 2-2 finale).

Nella ripresa invece, il Picchio ha saputo mordere, e migliorare il parziale del primo tempo, solo nelle vittoriose trasferte di Venezia e Bari (da 0-0 a 0-2) e al Del Duca, in inferiorità numerica, contro il Como (da 1-2 a 3-3).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti