Calcio Ascoli
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Ascoli, Corriere Adriatico: la verità su conti e azionisti

Il quotidiano marchigiano spiega il bilancio e la situazione delle quote societarie

L’edizione odierna del Corriere Adriatico fa chiarezza sulla situazione azionisti dell’Ascoli Calcio, sul bilancio, un argomento che  interessa molto alla tifoseria anche in prospettiva futura. In questo caso la premessa è doverosa. L’Ascoli non è una società ricca come il Palermo e il Como e come molte altre consorelle della Lega deve dipanarsi fra mille difficoltà gestionali – scrive il quotidiano marchigiano – . Il bilancio al 30 giugno scorso registra una perdita di 6.608.481 euro. Si legge testualmente: «Alla voce perdite “portate a nuovo” si accoglie la perdita al 30 giugno 2021 pari a 4.656.490 euro per la quale si è proceduto alla sospensione di ogni delibera in merito fino all’approvazione del bilancio relativo al quinto esercizio successivo».
Sfruttando il decreto Covid, l’Ascoli, come altre società non solo calcistiche, ha la possibilità di ripianare le perdite, una parte entro il 30 giugno 2026, e un’altra entro il 30 giugno 2028. Come ripianarle? Con aumento di capitale da parte dei soci o sfruttando eventuali utili. Ma bisognerà farlo. I compensi contrattuali per i calciatori ammontano a poco più di dieci milioni di euro lordi, per gli allenatori 875mila euro. Gli altri oneri, per un totale di 523 mila euro, riguardano i premi/indennizzi per oltre trenta tesserati. Se la perdita è superiore ai sei milioni di euro, sono comunque state rispettate tutte le scadenze. E già per la prossima scadenza di marzo, il direttore generale Domenico Verdone, su indicazione del maggiore azionista, Massimo Pulcinelli, ha già predisposto tutte le operazioni per ottemperare agli adempimenti  È però evidente a tutti che una sciagurata retrocessione in serie C metterebbe a repentaglio i conti.
Capitolo Mancuso: 
Gilberto Mancuso della società Cedibi che detiene il 12% è uno stretto collaboratore di Pulcinelli e la Cedibi è una delle cinquanta società satelliti del gruppo Bricofer. Nell’ultima assemblea dei soci del 27 dicembre scorso, Mancuso, era rappresentato dal legale  Donato Palmieri. La società Cedibi esiste da 15 anni e ha superato il vaglio di Lega e Figc e aveva già comprato il 12% delle quote retrocesse da Rizzetta.
Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Curiosa la data di scadenza per poter sottoscrivere il programma di fidelizzazione con il club...

Dal Network

Ecco le parole di Gagno, tornato titolare dopo tre mesi, subito migliore in campo...
Nessuna occasione fino al tiro a giro di Bozhanaj all'89'. Un punto arrivato anche grazie...
Al termine del match tra Ascoli e Modena, mister Bisoli ha parlato in conferenza stampa...

Altre notizie

Calcio Ascoli