Calcio Ascoli
Sito appartenente al Network

Ascoli, c’è un tabù da sfatare: mai vinta la prima gara “congiunta” nuovo anno-girone di ritorno

Sfatare la ‘maledizione congiunta’ del nuovo anno e del girone di ritorno. Come spiegato dal focus del Corriere Adriatico, mai, dal ritorno in Serie B, il Picchio ha vinto la prima gara del nuovo anno quando questa è coincisa con l’inizio del girone di ritorno.

Il tabù ha preso il via fin da quando i bianconeri hanno rimesso piede in cadetteria. Nel gennaio 2016, all’Ascoli di Mangia andò di traverso il nuovo anno e l’inizio del girone di ritorno a causa del pesantissimo 4-0 rimediato contro la Virtus Entella.

L’inizio del 2017 e del girone di ritorno fu leggermente migliore, seppur senza vittoria: 2-2 agguantato in pieno recupero al Manuzzi contro il Cesena grazie al penalty di Perez. Si trattava, in realtà, della seconda giornata di ritorno, ma fu comunque la prima gara del nuovo anno perché il match contro la Pro Vercelli slittò di quasi un mese a causa delle scosse di terremoto che tornarono a far tremare il centro Italia.

Una lunga maledizione

Maledizione solo in trasferta? Macché. L’Ascoli ha proseguito il tabù anche al Del Duca, quando ha affrontato il Cittadella nella prima gara del 2018 (e del girone di ritorno di quella stagione): i bianconeri di Cosmi caddero 1-2.

L’alternanza sconfitta-pareggio ha fatto capolino anche nelle due stagioni successive. A gennaio 2019, il Picchio di Vivarini aprì l’anno nuovo e il girone di ritorno con un X a reti bianche al San Vito-Marulla contro il Cosenza. Comunque meglio di quanto accadde l’anno seguente. L’Ascoli di Zanetti si affacciò al nuovo anno da 7° in classifica e dopo un girone d’andata stabilmente condotto in zona playoff, ma neanche questo fu sufficiente contro il Trapani, penultimo in classifica: i siciliani si imposero 3-1, segnando i due gol vittoria addirittura in inferiorità numerica. Chi si era appena seduto sulla panchina dei granata? Proprio quel Fabrizio Castori che, oggi, deve condurre il Picchio alla salvezza. E dovrà farlo anche provando a sfatare il tabù nuovo anno/girone di ritorno.

Covid e Sottil

Per il momento, solo Covid e Sottil hanno interrotto questa assurda maledizione. La pandemia, infatti, ha portato allo slittamento del campionato 2020/21: la prima partita del nuovo anno non è coincisa con l’inizio del girone di ritorno. Ponendo fine al tabù: Sottil vinse sia la prima gara del 2021 (2-1 il 4 gennaio al Del Duca contro la Reggina, era la 17° giornata) sia il match d’esordio del girone di ritorno (altro 2-1 casalingo, e sempre in rimonta, contro il Brescia il 30 gennaio).

Stesso “miracolo”, frutto del lavoro del mister e di una rosa competitiva (non certo della cabala), anche nel torneo seguente: vittoria 2-4 contro la Ternana all’alba del 2022 (ma era l’ultima gara del girone d’andata, slittata al nuovo anno causa recrudescenza dei casi Covid), poi altro successo esterno per 1-3 contro il Cosenza all’esordio del girone di ritorno.

Interrompere il tabù

Dallo scorso campionato, però, la prima gara dell’anno e il via ai match di ritorno sono tornati a coincidere, facendo ripiombare l’Ascoli nella maledizione: sconfitta per 1-0 al Liberati contro la Ternana in apertura di 2023 e del girone di ritorno.

Domenica tocca al Picchio di Castori: 2024 e girone di ritorno si aprono contro il Parma e il tabù.

Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Ci sono 13 partite ancora da giocare, 9 delle quali contro avversarie nella parte destra...
Il quotidiano marchigiano spiega il bilancio e la situazione delle quote societarie ...

Dal Network

La probabile formazione grigiorossa scelta dai nostri colleghi di CalcioCremonese.it...
“L'Ascoli ci aggrediva sulle seconde palle e non ci faceva giocare, ma i miei ragazzi...
Tre punti ottenuti dai giallorossi al termine di una partita sporca e giocata per larghi...
Calcio Ascoli