Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Ascoli-Reggina, i precedenti: ospiti vittoriosi sempre con 3 reti, ma il Picchio ha festeggiato nelle ultime due sfide

Il bilancio premia leggermente i bianconeri grazie agli ultimi due successi targati Sottil

Al Del Duca torna una sfida storicamente ostica per l’Ascoli. Nei 14 precedenti disputati nel Piceno contro la Reggina, il Picchio ha vinto solo due volte in più degli amaranto (6 a 4), con 4 gare terminate in parità. E quando i calabresi si sono imposti nelle Marche, lo hanno fatto sempre segnando tre reti.

Una sfida ostica

Il primo match assoluto risale al campionato di Serie C 1962/63: la Reggina superò l’allora Del Duca Ascoli per 1-3. La stagione seguente il Picchio riuscì a riscattarsi (1-0), prima dello 0-0 nel torneo 1964/65 che vide i calabresi vincere il campionato e volare in Serie B. L’Ascoli raggiunse gli amaranto nel 1972/73: il primo match tra i cadetti terminò 2-0. La stagione seguente fu invece sufficiente un solo gol ai bianconeri per ottenere i tre punti e festeggiare la promozione in Serie A, con gli amaranto che retrocessero invece in C. Le strade sono rimaste così divise per quasi un ventennio. Per l’esattezza fino al 1990/91, quando le due compagini si sono ritrovate nuovamente tra i cadetti. Stavolta fu 0-0, anche se l’X non cambiò l’esito della stagione: al triplice fischio della regular season, altra promozione dell’Ascoli in A e altra retrocessione della Reggina in C.

Le sfide in Serie A

Con due categorie di differenza, un altro balzo fino al nuovo Millennio, quando Ascoli e Reggina, nel 2005/06, si sono ritrovate sul palcoscenico più prestigioso della Serie A. Il match terminò 1-1, con il pareggio di Paredes (vantaggio di Fini) che permise ai calabresi di tornare a segnare al Del Duca 5 gare e 42 anni dopo la prima vittoria. Furono le prove per il secondo exploit, arrivato il torneo seguente: 2-3 e Picchio retrocesso in B a fine stagione.

Da Pillon a Pillon

Da allora, bianconeri e amaranto hanno incrociato le armi solo tra i cadetti. A partire dal 2009/10, anno del terzo squillo della Reggina: 1-3 nella famosa gara del gesto fairplay di Pillon. L’Ascoli si è riscattato nel torneo successivo (2-1 in rimonta con reti di Lupoli e Giorgi), mentre nel 2011/12 il match è terminato 1-1 grazie alla rete siglata da Papa Waigo a tempo praticamente scaduto. Nel 2012/13 invece, il tecnico Pillon – nel frattempo passato alla Reggina – ha inferto l’ultimo ko al Picchio: netto lo 0-3 rifilato agli uomini di Silva grazie alla tripletta di uno scatenato Di Michele, a fine stagione Ascoli retrocesso in C.

Le vittorie dell’Ascoli

Quando il Picchio ha festeggiato l’ultima promozione tra i cadetti, non vi era già più la Reggina. E così le sfide al Del Duca sono tornate solo due stagioni fa, permettendo di migliorare un bilancio che – fino allo scorso decennio – era di perfetta parità. L’Ascoli ha infatti vinto entrambe le ultime sfide: importantissimo il 2-1 in rimonta del 2020/21, quando Cangiano e Kragl hanno regalato tre punti molto pesanti al gruppo di Sottil, chiamato all’impresa salvezza. Lo scorso anno invece, netto 2-0 firmato Caligara e Bidaoui.

Adesso, sotto l’Albero di Natale, il Picchio spero di trovare il tris consecutivo di successi, per chiudere al meglio il girone d’andata e salutare con una vittoria un 2022 ricco di soddisfazioni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

L'ex capitano dell'Ascoli

Adelio Moro

Icona e bomber del grande Ascoli

Renato Campanini

Il bomber verdeoro dell'Ascoli

Walter Casagrande

Altro da Approfondimenti