Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Ascoli, occhio al Frosinone: capolista temibile con ragazzini terribili

Imbattibile in casa, con record di vittorie e miglior difesa del torneo. Ma il Picchio vuole giocarsela

Testa alla capolista. L’Ascoli, reduce dal pareggio contro il Brescia che ha fatto seguito alle tre vittorie consecutive contro Bari, Cagliari e Venezia, si appresta ad affrontare quella che – classifica alla mano – è attualmente la squadra più in palla della Serie B.

E cioè il Frosinone, capolista del campionato con 27 punti in classifica. Occhio ai numeri dei ciociari. Gli uomini di Grosso hanno vinto le ultime cinque partite consecutive, vantano il primato di vittorie nel torneo (ben 9) e hanno la miglior difesa del campionato (appena 7 gol subiti).

Il Frosinone è l’unica squadra di B a non aver ancora pareggiato. E, fortuna dell’Ascoli, si giocherà al Del Duca. Perché allo Stirpe i ciociari hanno un rendimento da urlo: sei partite e altrettante vittorie, con 10 gol fatti e nessuno subito. Un percorso incredibile, per quella che è anche la squadra che ha tirato più volte in porta in tutto il campionato e, al contempo, è quella che finora ha subito meno tiri rispetto agli altri club.

Storia recente e squadra rivoluzionata

Il calcio a Frosinone ha storicamente recitato un ruolo importante, custodito e coccolato dalla quarta serie alla cadetteria. La Serie B è stata conosciuta per la prima volta nel 2006-2007, poco più di tre anni dopo l’avvento dell’era guidata da Maurizio Stirpe, capace di portare il club dalla Serie C2 alla Serie A.

Il presente vede la compagine gialloblù alla quarta stagione consecutiva in Serie B, ma il record attuale è dell’Ascoli (al settimo gettone di fila).

Un organico, quello consegnato a Fabio Grosso, in gran parte rivoluzionato rispetto all’annata passata, ma rinnovato di qualità per poter permettere alla piazza di restare aggrappati ai propri desideri di promozione.Dati alla mano, il Frosinone vanta la rosa più giovane dell’intero torneo (24,6 anni di media), una scelta premiata dall’attuale primo posto in classifica.

Tra i “ragazzini terribili” spiccano lo straripante Giuseppe Caso (23 anni), la lucida ferocia di Luca Moro (21), l’intelligenza offensiva di Samuele Mulattieri (21) e l’affidabilità di Stefano Turati (20).

Tasselli di cui Fabio Grosso sta cercando di scoperchiare ogni particella di possibilità tattica, così da plasmare una squadra capace di giocare un calcio imprevedibile, offensivo ed energico, come i Ciociari stanno effettivamente facendo.

TUTTO SUL FROSINONE

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da L'angolo dell'avversario

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.