Calcio Ascoli
Sito appartenente al Network

Ascoli-Cittadella 0-0, Bucchi: “Sono stato aggredito dagli uomini della panchina veneta”

Il tecnico ha spiegato cosa è successo: “Volevo solo chiedere spiegazioni all’arbitro”

Dopo il match con il Cittadella Cristian Bucchi è un fiume in piena quando racconta cosa è successo al termine del primo tempo: “Mentre stavo andando verso il sottopassaggio sono stato aggredito dalla panchina del Cittadella, dal direttore e dall’allenatore che, come al solito, e mi dispiace dirlo ma è la verità, si lamentano sempre. Io guardo le conferenze stampa prima e dopo gara degli allenatori e dei dirigenti, ci sono delle volte che una squadra è stata penalizzata e magari ha qualcosa da recriminare, succede, quelli del Cittadella invece 38 gare su 38 si lamentano sempre. Sempre lì a piangere a dire che che vengono denigrati, distrutti. Non è vero, oggi sono stati graziati dalla gestione non corretta della gara. La prima azione stavamo andando in porta due contro uno ed è stato fermato il gioco quando invece andava data la regola del vantaggio. Mi domando perché si dà la regola del vantaggio quando ci sono 10 metri di fuorigioco e Leali rischia di farsi male al ginocchio e non quando andiamo in porta? Uno dovrebbe capirlo. Perché Caligara che sfiora l’avversario viene ammonito e invece i loro terzini ripetutamente entrano fallosamente in maniera forte e non vengono sanzionati? Il Cittadella dovrebbe rivedersi le proprie partite. Nonostante questo andamento di situazioni non corrette, posso dire che ci stanno, ma non accetto di essere aggredito. Loro si lamentano e io vengo espulso“.

L’atteggiamento del giocatore del Cittadella Tunkara: “Tunkara ha fatto 15 falli e non è mai stato ammonito, non parlo poi del calcio di rigore su Dionisi, ci sono le televisioni, l’ho visto io che ero in tribuna, come si fa a non richiamare l’arbitro e a non dare un calcio di rigore del genere? Ci sono talmente tanti episodi che mi fanno sentire un idiota nel parlarne”. Sulla squadra: ‘Siamo stati poco incisivi con i nostri uomini d’ attacco, gli esterni hanno determinato tutti molto poco, la velocità e la tecnica dei nostri attaccanti deve fare pesare la bilancia dalla nostra parte. Bidaoui? Non credo che ci sia da rivedere nulla se non la modalità di smarcamento, deve essere bravo a smarcarsi di più, a togliere riferimento al terzino di competenza. Su questo serve la qualità del singolo. Abbiamo fatto molto bene la prima fase, poi non siamo stati bravi nel finalizzare. In questo campionato ci sono gare apertissime e gare equilibrate con poche occasioni in cui devi cercare il gol attraverso spunti o con i calci piazzati, di positivo c’è che non abbiamo subito tiri in porta, ho visto che i ragazzi sanno sacrificarsi, non si possono sempre giocare le partite in un unico spartito”.

Le sostituzioni che hanno vivacizzato il match. “Volevo mettere la seconda punta ma poi siamo rimasti in inferiorità numerica, avevo Marcel (Buchel, ndr) che è sceso in campo con la febbre e ha fatto ugualmente una grande partita. Ho messo forze fresche purtroppo non siamo riusciti a fare quel qualcosa in più per le dinamiche della gara”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il tecnico spiega come ha salvato l'Ascoli, svelando la ricetta vincente...

Dal Network

Rolando Maran è intervenuto in conferenza stampa nel post partita di Ascoli-Brescia, incontro terminato con...
Calcio Ascoli